Con questo articolo vogliamo portarvi con noi in cantiere, per vedere quello che si ottiene grazie ad un lavoro di squadra e di collaborazione fra progettista ed artigiano.

Siamo orgogliosi di aver potuto realizzare questo lavoro per conto di Trentino Sviluppo, per l’inserimento di un nuovo BAR presso lo storico edificio “ex Manifattura Tabacchi” di Rovereto. La particolare ed affascinante conformazione dell’immobile è stata valorizzata dall’architetto Laura Zamboni, progettista degli arredi.

  • cantiere,lavori eseguiti, Storie di cantiere: i lavori eseguiti per il nuovo BAR presso l’ex Manifattura di Rovereto
  • cantiere,lavori eseguiti, Storie di cantiere: i lavori eseguiti per il nuovo BAR presso l’ex Manifattura di Rovereto
  • cantiere,lavori eseguiti, Storie di cantiere: i lavori eseguiti per il nuovo BAR presso l’ex Manifattura di Rovereto
  • cantiere,lavori eseguiti, Storie di cantiere: i lavori eseguiti per il nuovo BAR presso l’ex Manifattura di Rovereto
  • cantiere,lavori eseguiti, Storie di cantiere: i lavori eseguiti per il nuovo BAR presso l’ex Manifattura di Rovereto
  • cantiere,lavori eseguiti, Storie di cantiere: i lavori eseguiti per il nuovo BAR presso l’ex Manifattura di Rovereto
  • cantiere,lavori eseguiti, Storie di cantiere: i lavori eseguiti per il nuovo BAR presso l’ex Manifattura di Rovereto
  • cantiere,lavori eseguiti, Storie di cantiere: i lavori eseguiti per il nuovo BAR presso l’ex Manifattura di Rovereto

La storia e l’idea del progetto.

Qui di seguito una descrizione del progetto a cura dell’ arch. Laura Zamboni.

Tra il 2018 e il 2020, Trentino Sviluppo S.p.a., proprietario unico della ex Manifattura Tabacchi a Rovereto, ha promosso la riqualificazione di parte dell’edificio dell’Orologio, individuando a piano terra la location ideale per ospitare un bar-caffetteria, in posizione baricentrica rispetto agli edifici storici ed alle recenti costruzioni progettate dall’archistar Kengo Kuma.
L’Orologio, costruito sotto l’impero austo-ungarico tra il 1851 e il 1854, conserva intatto l’impianto architettonico della straordinaria macchina operativa che fu fino agli anni 2000 la Manifattura: qui avvenivano le prime lavorazioni delle foglie di tabacco ed in particolare, nel locale ora destinato ora a caffetteria, vi era la ex officina concia, vale a dire il luogo dove venivano conciate e profumate le foglie destinate ai piani superiori per altre lavorazioni.
Le possenti colonne in conci di pietra e le volte a crociera scandiscono la geometria regolare degli spazi: dove un tempo le abili mani delle “zigherane” si affaccendavano a produrre i sigari destinati alla vendita internazionale, oggi come allora ci si può sedere ai lunghi tavoli in legno disposti nell’ampia sala della zona bar.
La zona destinata alla cucina e del bancone bar si inserisce in due moduli delle colonne, risultando centrale rispetto all’impianto distributivo generale. Anche gli spazi dedicati alla consumazione ed al relax sono stati pensati in modo da non alterare la percezione regolare del sistema di archi, volte e pilastri, pur caratterizzandoli attraverso la scelta misurata di materiali e colori degli elementi di arredo.

Laura Zamboni Architetto
info@laurazamboni.it
laurazamboni.it